Perchè si rompe? - Turbodiscount.it

Vai ai contenuti

Perchè si rompe?

Tecnica



A meno che la vostra vettura non abbia 300.000Km, percorrenza per la quale è capibile che un turbo si debba sostituire per normale usura, è indispensabile capire che un turbocompressore NON si rompe mai da solo ma intervengono malfunzionamenti di altri apparati a farlo deperire prematuramente.

Ovviamente, se non si interviene nel risolvere il problema che ne ha causato la prima rottura, se si installa un turbo nuovo, logicamente, a breve il turbo avrà le stesse IDENTICHE difettosità di quello di prima.

Quindi: RICORDATEVI DI IDENTIFICARE E RISOLVERE PRIMA IL PROBLEMA DELLA VETTURA.

Scarica qui il documento in pdf per verificare il problema e trovare la relativa soluzione un due mosse!

Detto questo piccolo, ma importante, preambolo veniamo ad analizzare quali siano le principali cause di rottura del turbo:

- Mancanza di lubrificazione (totale e/o parziale)

- Oggetti estranei in aspirazione (sia piccoli che grossi)

- Oggetti estranei allo scarico

- Sovrapressione allo scarico



- Mancanza di lubrificazione (totale e/o parziale)
Spesso si pensa di risparmiare un pò di soldi e quindi si posticipa l'intervento programmanto di sostituzione di olio e filtri. Purtroppo non è cosi. L'olio, con l'utilizzo, si deteriora e forma degli aglomerati più o meno grossi che vanno ad ostruire i piccoli passaggi di lubrificazione del turbo, impedendone cosi la lubrificazione; il turbo di lì a poco si grippa.

I risultati visibili sono che l'alberino del turbo ha un gioco radiale  eccessivo; la rumorosità è eccessiva ma è andata ad aumentare via via, quindi l'utente potrebbe accorgesene troppo tardi. Talvolta, nei casi più gravi, si riscontra la rottura dell'alberino.

 
rottura dell'alberino - completa ostruzione passaggio olio

Si consiglia di effettuare le lavorazioni suggerite in corretta installazione

Il non effettuare tutte le operazioni di cui al link di sopra il turbocompressore potrebbe:
- presentare eccessivo gioco assiale entro pochi minuti di utilizzo; sintomo di scarsa lubrificazione.
- essere eccessivamente rumoroso, spesso più di quello sostituito; sintomo che l'alberino incomincia ad avere un gioco eccessivo


- Oggetti estranei in aspirazione (sia piccoli che grossi)

Il non cambiare il filtro aria, il deterioramento dei condotti di aspirazione, sono le cause per cui, gli stessi, possono far passare oggetti piccoli e grossi ed impattare, a grossa velocità, contro la ventola di aspirazione, talvolta distruggendola completamente, talvolta rovinandola e rendendola estremamente rumorosa.


 
turbina completamente senza pale della ventola - turbo con pale danneggiate (rumorose)

Spesso ci si dispera nella ricerca di cosa si stato a distruggere la ventola... anche perchè quasi sempre il corpo con il contatto si sbriciola.


Scarica qui il documento in pdf del caso "Mercedes ML320"

- Oggetti estranei allo scarico

Improvvisamente il turbo diventa rumoroso e, maggiore il numero di giri del motore, maggiore è la rumorosità. Qualche volta capita che per problemi legati alla manomissione delle caratteristiche originarie del motore e/o della centralina di gestione del motore, si "stacchi" un particolare all'interno della camera di scoppio, o, per i motori più recenti, il problema è legato alle lamelle del colettore di scarico che, staccandosi, vanno ad impattare sulla ventola di scarico.




- Sovrapressione allo scarico

Con l'applicazione del filtro antiparticolato, secondo le recenti normative anti inquinamento, capita, talvolta, che il FAP intasato causi eccessiva presenza di fuliggine tra lo scarico della testa ed il FAP stesso oltre che, ovviamente, delle sovrapressioni in quella zona.


  


La vettura perde di "vivacità" ed ha delle forti difficoltà a prendere il corretto numero di giri. Talvolta si presentano forti rumorosità del turbo.
Se volete salvare il turbo è necessario intervenire  prontamente sulla pulizia del FAP.
Se il turbo si rompe è indispensabile intervenire PRIMA dell'installzaione del turbo nuovo sulla pulizia del FAP.


Copiright 2009 - 2019 Italiana Ricambi
Torna ai contenuti